Posted on Lascia un commento

Lo smart working o lavoro agile

Per smart working o lavoro agile s’intende la possibilità di lavorare ovunque tramite un tablet, uno smartphone o un computer portatile connesso a Internet. A differenza del telelavoro non prevede una postazione di lavoro fissa a casa, ma si può gestire il tutto in completa autonomia e ovunque siamo. Quindi, si lavora da casa, dal bar mentre si fa colazione o dalla panchina di un parco.

Tutto questo cambierà il nostro stile di vita? In questo senso la legge intende equiparare lavoro agile e lavoro d’ufficio: lo stipendio e i diritti restano i medesimi ma bisogna accordarsi con l’azienda per altri parametri come gli orari di lavoro e quelli di riposo, strumenti usati, modalità di esecuzione del lavoro. Per quanto riguarda la sicurezza saranno tutelati solo gli infortuni legati al lavoro che si sta svolgendo.

L’idea di base è quella di poter conciliare al meglio lavoro e vita privata, senza trascurare nè l’uno nè l’altra. Infatti, l’opportunità di poter lavorare ovunque potrebbe incentivare l’occupazione femminile e concedere agli uomini la possibilità di essere più presenti in famiglia.

La risposta dei dipendenti a questa iniziativa è più che positiva: la libertà di lavorare dove si può o si vuole rende lo svolgimento dell’attività più piacevole e meno pesante.

Certo c’è chi lo fa già da tempo. Una ricerca americana ha stabilito che l’80% delle persone lavora anche da casa, e controllando le e-mail la mattina o prima di coricarsi totalizza ben 7 ore di lavoro in più a settimana.