Pubblicato il

Cosa sapere per investire online

Non lasciatevi ingannare, amici miei: siamo alle soglie di una nuova era, e se dovessimo darle un nome, dovremmo chiamarla l’epoca dell’autoproduzione. La rivoluzione che ha segnato l’alba di questa nuova era è ancora agli inizi. Vent’anni di riduzioni progressive delle commissioni, uniti all’introduzione di nuove regole nelle modalità di negoziazione, a Internet ed ai fenomenali sviluppi nel campo della tecnologia, hanno contribuito ad equiparare i contendenti ed a schiudere per sempre le porte segrete di Wall Street e di tutte le Borse Mondiali. Continua a leggere Cosa sapere per investire online

Pubblicato il

Come fare trading sui bond

I bond, nel nostro paese anche conosciuti come obbligazioni, sono dei titoli di credito che raffigurano una porzione di debito creato da un gruppo o da un qualsiasi tipo di ente per poter finanziare delle determinate spese. I bond vengono concessi con l’obiettivo di ricevere, in modo diretto il capitale con delle condizioni più convenienti rispetto a quelle che vengono applicate dei classici prestiti degli istituti bancari. Il privilegio principale per la società che emette la somma viene dai tassi di interesse che di solito sono minori in confronto ai tassi emessi dalle banche. Continua a leggere Come fare trading sui bond

Pubblicato il

Come fare trading su Azioni Carrefour

Il potentissimo gruppo commerciale francese Carrefour , che nell’anno 1999 ha subito una fusione con un altro gruppo commerciale francese Promodés a livello europeo è esteso a livelli molto ampi ed oggi si può definire il gruppo leader dei grandi magazzini in tutta Europa ed oggi si trova addirittura al secondo posto del mercato nel mondo soltanto dopo il popolarissimo gruppo americano Wall Mart. Il gruppo Carrefour è stato il primo a far conoscere alla gente i primissimi ipermercati nell’anno 1963 e al giorno d’oggi possiede tantissimi punti vendita commerciali più piccoli come ad esempio tutti i suoi supermercati ed i minimarket. All’interno dei numerosissimi negozi Carrefour sono famosi i prodotti che portano tale nome, ma sono presenti anche prodotti di altre marche conosciute. Continua a leggere Come fare trading su Azioni Carrefour

Pubblicato il

Plus500 è un broker affidabile?

CHE COS’E’ PLUS500
plus500Plus500 è la piattaforma di proprietà di Plus500CY Ltd, una società cipriota che è autorizzata ad operare sul mercato dal rigidissimo Cyprus Securities and Exchange Commission, vera autorità nel settore. Il broker è uno dei più quotati per la compravendita dei CFD, ossia i contratti differenziali, uno dei prodotti finanziari più redditizi del mercato. Inoltre, offre ai suoi utenti la possibilità di investire anche in altri asset come materie prime, metalli preziosi, valute, azioni, EFT e tanto altro ancora. Continua a leggere Plus500 è un broker affidabile?

Pubblicato il

Opzioni binarie: conoscere e gestire i trend

Chi opera nelle opzioni binarie, magari anche principiante, può utilizzare il concetto di tendenza (o trend) per prevedere l’andamento di un determinato asset.  La tendenza è la direzione (positiva o negativa o costante) che il valore di un asset prende sul mercato, osservato in un lasso di tempo relativamente esteso. Una caratteristica peculiare della tendenza è la presenza di – più o meno lievi – fluttuazioni: le fluttuazioni sono come “respiri” per proseguire la camminata. Continua a leggere Opzioni binarie: conoscere e gestire i trend

Pubblicato il

Consigli sul money manegement

Con il termine money management si indica la gestione del capitale da utilizzare con le piattaforme di trading online. Indipendentemente dallo strumento selezionato (Forex, trading con i CFD di vari asset, opzioni binarie), il trader dovrà prestare particolare attenzione al modo in cui amministra il patrimonio, riflettendo sull’entità degli importi impiegati negli ordini e sulla percentuale del deposito da impiegare giornalmente. È in base a queste considerazioni, infatti, che gli investimenti potranno essere più o meno duraturi: chi improvvisa con gli ordini sulle piattaforme, attingendo al capitale depositato come se questo fosse un pozzo senza fondo, andrà incontro ad una conclusione prematura dell’esperienza di trading, pregiudicando ogni forma di recupero degli importi perduti.

Quando si effettua il primo versamento nell’account di trading, occorre riflettere sul guadagno che si intende realizzare: depositando una cifra limitata, il potenziale passivo in caso di andamento negativo non sarà mai consistente, tuttavia anche i profitti saranno proporzionalmente circoscritti. Alcuni esperti considerano quindi di mettere da parte un capitale discreto prima di iniziare ad operare con le piattaforme, in modo tale da potersi permettere le tipologie di account che riservano ai titolari un numero maggiore di servizi esclusivi, tra i quali può essere incluso anche un generoso bonus di benvenuto.

Quando si effettuano gli ordini con l’interfaccia, sarà bene non eccedere con l’entità degli importi: i trader più consumati consigliano di limitarsi ad operazioni con importi mai superiori al 5% dell’intero deposito, in modo tale da non doverlo prosciugare in pochi giorni, specialmente quando si fa uso della leva finanziaria, una tecnica che consente di ampliare il margine di profitto, ma che espone il conto a grandi rischi nell’evenienza di passivi. In alcuni casi, sarà infatti necessario integrare il deposito con somme aggiuntive, al fine di coprire le perdite generate dall’utilizzo poco oculato della leva.

Infine, si raccomanda di non intestardirsi quando si comprende che la sessione giornaliera di trading si concluderà in rosso: si tratta di una possibilità non rara nel trading online, per cui occorrerà focalizzarsi piuttosto nel bilancio a medio e lungo termine (vivere di trading è possibile e ce lo dice una comoda guida online, basta non intestardirsi troppo sul lungo periodo), accettando gli eventuali passivi e concentrandosi sull’individuazione degli errori commessi, per non ripeterli in futuro.

Pubblicato il

Trading di opzioni binarie con metodi e segnali

Il trading online ha sviluppato il proprio ruolo da protagonista, all’interno di un ambito finanziario di livello globale, attraverso un’incredibile quantità di strumenti e servizi clientelari che hanno migliorato, a dismisura, il concetto di esperienza multimediale legato a qualsivoglia transazione. Fra i molteplici mezzi messi a disposizione del trading online, spiccano le opzioni binarie, vere e proprie scommesse finanziarie capaci di concretizzare una specifica previsione (individuale o collettiva che sia) lungo un predeterminato asset merceologico. In questo modo, si dà adito ad un meccanismo di investimento che, nel breve o nel lungo periodo, è in grado di condurre a svariata gamma di risultati.

I metodi più efficaci per trasformare il trading binario in qualcosa di assolutamente performante risiedono, in larga parte, nella componente emozionale del trader stesso, un soggetto che, con la dovuta conoscenza del settore, può pianificare innumerevoli strategie d’azione senza avere la preoccupazione di dover subir, prima o poi, una potenziale perdita economica. La capacità di variare il proprio operato in corso d’opera è uno dei requisiti chiave per vincere con il trading binario, anche perché, essendo delle scommesse, le opzioni binarie non avranno quasi mai un andamento lineare. Inoltre, le scadenze che le contraddistinguono dagli altri strumenti di trading permettono a chiunque di dosare le proprie aspettative a seconda degli orizzonti temporali prescelti.

Per orientarsi meglio e puntare a degli esiti alquanto soddisfacenti, si può anche ricorrere ai segnali (maggiori info su cosa sono qui: http://www.segnaliopzionibinarie.net/), ossia delle indicazioni su una data azione da compiere riguardo uno specifico asset o una particolare scadenza. Forniti da fonti piuttosto attendibili, i segnali indirizzano l’utente verso un binario finanziario ricco di soddisfazioni. La loro accessibilità varia in base alla preferenza di un broker online piuttosto che un altro; ce ne sono alcuni, infatti, che li propongono a costo zero, mentre altri preferiscono essere pagati per certificare ulteriormente la loro qualità.

Ad ogni modo, i broker online forniscono anche tanti altri servizi clientelari di sicuro affidamento. Basti pensare al conto demo gratuito, una piattaforma digitale in cui è possibile provare e riprovare ogni tipo di strategia finanziaria senza dover impiegare le proprie risorse economiche. Uno stratagemma pratico e conveniente.

Pubblicato il

Nuovo tonfo per la Borsa di Tokyo, paura nel trading

Per essere efficaci e produttivi durante qualsiasi sessione di trading online, occorre possedere un bagaglio di conoscenze teoriche e pratiche non indifferenti, da abbinare, all’occorrenza, alle informazioni presenti all’interno di notizie, aggiornamenti, valutazioni dell’ultim’ora e molto altro ancora forniti dagli appositi organi di diffusione del settore finanziario. Questo aspetto del trading online è estremamente fondamentale poiché permette di variare le proprie strategie d’azione a seconda degli avvenimenti in atto nei vari asset merceologici mondiali; così facendo, quindi, si può capire, con largo anticipo, la probabilità di successo di uno strumento finanziario piuttosto che un altro, e agire di conseguenza per ottenere il tanto sospirato ritorno economico.

Qualora la scelta ricada sul Forex o sulle opzioni binarie, è consigliabile evitare (almeno per il momento) un eventuale investimento sullo yen. La moneta nipponica vive un periodo particolarmente infelice che, nelle ultime ore, ha dovuto subire anche le pesanti ricadute delle performance della Borsa di Tokyo, deludenti oltre ogni aspettativa. La sfiducia nei confronti delle imprese giapponesi ha fatto sì che il Nikkei, che raccoglie i 225 titoli principali della borsa asiatica, perdesse 594,51 punti, chiudendo così a 16.164,16 e siglando la sua quarta seduta negativa consecutiva. Un momentaccio per Tokyo e dintorni.

A pesare su un quadro piuttosto allarmante sono anche le misure alquanto conservatrici della Banca Centrale del Giappone, un istituto di credito che non ha ancora compreso fino in fondo la gravità del momento lasciando inalterati alcuni parametri valutari che ostacolano (e non di poco) i flussi delle imprese esportatrici. Insomma, un contesto valutario e azionario piuttosto sconveniente, in totale antitesi con la crescita dei paesi emergenti del continente asiatico sospinta dal cosiddetto “effetto Yellen” e da un aumento dei tassi d’interesse da parte della Federal Reserve americana. Una vera e propria zona d’ombra in un’area dalle notevoli potenzialità.

Ad ogni modo, per cercare di non perdere alcun tipo di variazione finanziaria, è necessario affidarsi (come detto poc’anzi) alle aree informative presenti sul web o fornite dai broker online, piattaforme di intermediazione complete di tutto, dalle promozioni clientelari ai servizi multimediali in grado di migliorare il proprio fiuto per gli affari.

Aggiornamenti su Tokio a http://www.investireinborsa.me/

Pubblicato il

Segnali di trading per opzioni binarie: perchè sono importanti

Con le opzioni binarie, il trader cerca di realizzare dei profitti effettuando delle previsioni sull’andamento delle quotazioni di un asset, che può essere un titolo, un indice, un cross valutario o materie prime come il petrolio. La correttezza del trend entro una determinata scadenza determina il rendimento percepito, che mediamente si attesta sull’80% dell’importo investito, ma che a volte può superare il 90%, a seconda delle modalità dei broker. Da questo si evince che con questo strumento finanziario sono tre i fattori fondamentali da tenere in considerazione, se si vogliono ottenere dei guadagni: la scelta dell’asset e la sua combinazione con la scadenza e la tipologia di opzione binaria. Continua a leggere Segnali di trading per opzioni binarie: perchè sono importanti