Codice tributo 6782: cos’è, a cosa serve e e guida all’uso

Codice tributo 6782

Molti contribuenti quando non sanno a cosa serve un determinato codice tributo vanno a controllare sul sito dell’Agenzia delle Entrate per scoprire a cosa fa riferimento. A volte però le definizioni che si trovano sul portale ufficiale dell’Agenzia non sono molto chiare: prendiamo ad esempio il codice tributo 6782. In questa breve guida all’uso cercheremo di spiegare quando e come va utilizzato.

A cosa serve il codice tributo 6782

Partiamo dalla descrizione presente sul sito dell’Agenzia delle entrate: il codice tributo 6782 f a riferimento all’eccedenza di versamenti di ritenute di lavoro autonomo, provvigioni o redditi diversi che scaturisce dalla dichiarazione del sostituto di imposta (modello 770 semplificato). Chi non ha molta dimestichezza con qualche termine presente nella frase precedente potrebbe fare un po’ di fatica a comprenderla: cerchiamo di spiegare un po’ meglio le cose.

Nel caso in cui emergano delle eccedenze (colonna 4 del quadro SX1 del modello 770 semplificato) il sostituto di imposta può decidere se utilizzarle per compensare le ritenute da versare nel periodo successivo oppure, compilando il modello F24, se richiederne il rimborso. In assenza di indicazione da parte del sostituto di imposta si procede in automatico con la compensazione.

Il diritto al rimborso scatta a partire dal primo gennaio dell’anno successivo a quello in cui si verifica l’eccedenza, quindi si può chiedere il rimborso anche prima che venga presentata la dichiarazione. Nella compilazione del modello F24 bisogna inserire il giusto codice tributo: in caso di ritenuto da lavoro dipendente bisogna utilizzare il codice 6781, mentre per le ritenute da lavoro autonomo bisogna utilizzare il codice tributo 6782 (come viene spiegato anche dall’Agenzia delle Entrate, si tratta di codici che possono essere utilizzati sole per indicare importi a credito da compensare oppure per indicare importi a debito per ravvedimento operoso).

Guida all’uso del codice tributo 6782

Nel modello F24 si deve compilare la Sezione Erario, ovvero quella che fa riferimento alle imposte dirette, all’IVA, alle ritenute alla fonte, ad altri tributi ed interessi. Nella prima colonna bisogna inserire il codice tributo 6782; la seconda colonna non va compilata; nella terza colonna si deve indicare l’anno di riferimento, ovvero l’anno d’imposta in cui è nato il credito. La quarta colonna fa riferimento agli importi a debito, quindi va lasciata in bianco, mentre nella colonna successiva bisogna indicare gli importi a credito da recuperare. Nella riga Totale si scrivono le somme degli importi a credito e degli importi a debito che sono presenti nell’intera Sezione e nella casella Saldo si deve riportare la differenza tra questi due valori.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close