Codice tributo 8913: cos’è, significato e quando si utilizza

Nei nostri articoli che parlano dei codici tributo diciamo sempre che ad ogni imposta corrisponde uno specifico codice e che i contribuenti non hanno sempre le idee chiare sul significato delle varie stringhe di numeri che vengono riportare sul modello F24. In questo caso ci occupiamo del codice tributo 8913, un codice che si distingue dagli altri perché non fa riferimento ad un tributo in particolare, ma a sanzioni pecuniarie: vediamo come e quando si utilizza.

Il significato del codice tributo 8913

Il codice tributo 8913 fa riferimento alle sanzioni pecuniarie relative alle imposte sostitutive alle imposte sui redditi; sono interessati a conoscere il significato di questo codice i proprietari di immobili ceduti in affitto per scopi abitativi. Ogni anno il proprietario di un immobile ceduto in locazione deve pagare a titolo di acconto un importo pari al 95% della somma fiscale dovuta l’anno precedente sui canoni di affitto percepiti dagli inquilini; chi decide di pagare tutto in un’unica soluzione deve farlo entro il 16 giugno, mentre chi decide di procedere con un pagamento rateale, le scadenze sono fissate il 16 giugno per la prima rata e il 30 novembre per la seconda rata.

Chi non paga entro i termini previsti può comunque regolarizzare la sua posizione evitando ricorrendo al ravvedimento operoso: in questo modo pagherà delle sanzioni ridotte (minore è il ritardo con cui procede al pagamento e minore sarà anche la multa da pagare); si va dallo 0,2% dell’importo dovuto per ogni giorno di ritardo se si paga entro 14 giorni dalla scadenza e si sale al 3% dell’imposta per i pagamenti effettuati tra i quindici e i trenta giorni di ritardo e al 37,5% per i pagamenti effettuati tra il trentunesimo e il novantesimo giorno di ritardo.

Quando e come si utilizza il codice tributo 8913?

Per pagare le sanzioni pecuniarie relative alle imposte sostitutive delle imposte sui redditi con il modello F24 bisogna compilare la Sezione Erario. Nella prima colonna bisogna mettere il codice tributo 8913; nella seconda colonna bisogna indicare il mese di riferimento (01 corrisponde a gennaio, 02 a febbraio, 03 a marzo e così via; se non è richiesta l’indicazione del mese di riferimento bisogna scrivere 12); la terza colonna è quella in cui va inserito l’anno di riferimento; nella quarta colonna vanno messi gli importi a debito e nella quinta gli eventuali importi a credito (se non ce ne sono bisogna lasciare lo spazio in bianco). Nella riga TOTALE si riportano le somme degli importi a credito e a debito presenti nell’intera Sezione Erario e nello spazio denominato SALDO si inserisce la differenza tra questi due importi.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close