Posted on

Codice tributo 1004: cos’è e a cosa si riferisce?

L’universo di codici tributo è davvero vasto: basta dare un’occhiata anche alle pagine di questo sito per farsi un’idea di quanti siano e, soprattutto di quanto sia facile per il contribuente rischiare di fare confusione. Il persiolo aumenta anche perché oltre ai codici in corso bisogna ricordarsi anche quali sono quelli che sono stati soppressi e che non devono più essere utilizzati: cerchiamo di capire se il codice tributo 1004 rientra tra questi e a cosa si riferisce.

Gli interventi di razionalizzazione dell’Agenzia delle Entrate

Nel 2016 l’Agenzia delle Entrate per cercare di fare un po’ di ordine (?) e portare avanti un processo di semplificazione ha messo in atto un provvedimento che a partire dal 2017 ha portato alla soppressione di alcuni codici tributo: alcuni di loro sono stati accorpati ad altri, dando vita a nuove soluzioni. Il nostro codice tributo 1004 rientra proprio tra quelli che non esistono più, ma visto che sono ancora tante le persone che si chiedono a cosa si riferisce (o a cosa si riferiva) è giusto fare un piccolo riepilogo.

Entro il quindicesimo giorno del mese successivo rispetto a quello in cui veniva pagato il corrispettivo, il sostituto di imposta deve versare le ritenute sui redditi assimilati ai redditi da lavoro dipendente; a redditi diversi corrispondevano codici tributo diversi (anche se non erano previste sanzioni in caso di errore bastava avvisare l’Agenzia delle Entrate tramite una richiesta di rettifica). Se il sostituto di imposta non rispettava la scadenza doveva regolarizzare la propria posizione con il ravvedimento operoso (che permette di pagare delle sanzioni ridotte).

A cosa si riferisce il codice tributo 1004?

L’importo da versare con ravvedimento operoso varia in base al ritardo con cui si effettua il pagamento (oltre all’imposta dovuta si devono versare una sanzione pari allo 0,2% per ogni giorni di ritardo se si paga entro i primi 14 giorni, ma la percentuale sale se il ritardo è maggiore, passando dal 2,8% e il 3,75%, fino al 6%). Il codice tributo 1004 serviva proprio a questo: identificava il versamento delle ritenute sui redditi assimilati e poteva essere utilizzato anche per il ravvedimento operoso.

Come abbiamo visto prima, il codice tributo 1004 non esiste più, visto che è stato accorpato, insieme ad altri, nel codice tributo 1001, che fa riferimento alle ritenute sulle retribuzioni, sulle pensioni, sulle trasferte e sulle mensilità aggiuntive e i relativi conguagli. Oltre al codice tributo 1004 sono rientrati nel codice 1001 anche i codice 1013, 1033, 1685 e 1686. C’è stata davvero una semplificazione o si è generato nuovo caos?