Posted on

Lista criptovalute: quali sono le migliori?

Il recente boom del Bitcoin ha fatto scoprire a tantissime persone il mondo delle criptovalute: chi ha deciso di approfondire un po’ le sue conoscenze su questo argomento ha potuto scoprire che il panorama delle monete virtuali è davvero molto ampio; l’obiettivo di traders ed investitori è quello di riuscire a capire quali sono le migliori criptovalute: proviamo a dargli una mano con questa lista.

Quali sono le migliori cripotavlute?

La lista delle migliori criptovalute non poteva non aprirsi con il già citato Bitcoin, ovvero quella che viene considerata la moneta virtuale originale. Il sistema si basa sulla più grande e nota blockchain e ancora oggi questa valuta è quella con il volume di scambi quotidiano più elevato (e sembra che sia destinato a rimanere tale ancora per un bel po’). Alle spalle del Bitcoin cresce l’Ethereum, che può contare su una blockchain davvero all’avanguardia e sull’appoggio di diverse grandi imprese che hanno scelto di utilizzare questa strada per l’esecuzione dei cosiddetti contratti intelligenti.

Il gradino più basso del podio è occupato dal Ripple: il suo protocollo permette di concludere le transazioni in tempi molto più rapidi rispetto alle criptovalute più famose viste in precedenza, ma i più attenti criticano il sistema perché è troppo centralizzato (con la società privata Ripple che ha troppo controllo). Al quarto posto troviamo il fratello minore del Bitcoin, ovvero il Bitcoin Cash: si basa su un software che consente di gestire elevati volumi di transazioni: c’è chi vede un futuro davvero roseo per questo sistema, ma c’è anche chi vede troppo potere concentrato nelle mani dei pochi miners che creano la stragrande maggioranza della moneta.

La lista delle monete virtuali più interessanti

Il Litecoin gode già di buona fama: molti lo definiscono come un clone del Bitcoin, ma rispetto alla regina assoluta delle criptovalute permette di elaborare le transazioni in tempi molto più rapidi e l’attività di mining è ancora alla portata di chiunque. Dalla Cina è arrivata Neo, che è partita subito con un buon volume di scambio (bisogna considerare anche che nel grande paese asiatico le criptovalute hanno un ottimo mercato); Neo si vuole imporre come concorrente diretto di Ethereum con la sua piattaforma di smart-contract, ma gli investitori più prudenti aspettano di avere maggiori notizie su una futura decentralizzazione del sistema, che al momento non sembra vicinissima.

Altra concorrente di Ethereum potrebbe essere Eos, ma il progetto è ancora molto giovane ed è difficile dare un’opinione precisa. Vanno tenute d’occhio anche altre criptovalute come il Cardano (ADA), lo Stellar Lumens (XLM), il Monero (XMR), il Dash (DASH), lo Iota (MIOTA) e l’Ethereum Classic.