Pubblicato il

Cosa sapere per investire online

Non lasciatevi ingannare, amici miei: siamo alle soglie di una nuova era, e se dovessimo darle un nome, dovremmo chiamarla l’epoca dell’autoproduzione. La rivoluzione che ha segnato l’alba di questa nuova era è ancora agli inizi. Vent’anni di riduzioni progressive delle commissioni, uniti all’introduzione di nuove regole nelle modalità di negoziazione, a Internet ed ai fenomenali sviluppi nel campo della tecnologia, hanno contribuito ad equiparare i contendenti ed a schiudere per sempre le porte segrete di Wall Street e di tutte le Borse Mondiali.

Le barriere che una volta impedivano al pubblico un accesso diretto e concreto si stanno sgretolando, e i centri del potere finanziario, un tempo occultati con cura, sono stati svelati: è la nuova consapevolezza degli investitori a pretenderlo. Mai prima d’ora il processo di democratizzazione di Wall Street è stato tanto vicino. Mai come in questo momento l’investitore medio ha avuto tante opportunità. Nei prossimi anni queste opportunità sono destinate ad aumentare ulteriormente. Ma la domanda che voglio porvi è: «Siete pronti ?».

Quale sarà il futuro della borsa e del trading?

Il futuro del trading online è difficile da capire, infatti, prevedono, in un tempo non troppo lontano, che in America non ci saranno più tante borse separate. Sono ormai state gettate le basi per la costruzione di una borsa unica. Il passo successivo sarà quello di avere un’unica borsa mondiale che renda possibile il vero capitalismo nella sua forma più pura da ogni angolo della Terra. Riusciamo anche ad immaginare un giorno in cui tutti i computer che verranno venduti sul pianeta avranno installata una piattaforma di trading con accesso diretto a questo mercato globale, che consente a ogni singolo individuo di operare direttamente su qualunque strumento negoziabile: azioni, obbligazioni, opzioni, pietre, alberi, parenti. Beh, parenti forse no, e tuttavia una volta ancora dite: «Siete pronti?».

Ci sono tutti i presupposti per un cambiamento radicale che interesserà verosimilmente i prossimi cinque dieci anni, e coloro che sapranno prepararsi per tempo avranno ottime chance di diventare i nuovi giganti di Wall Street e delle Borse in generale. Siamo di fronte a un nuovo giorno, e chi non lo gradisce farebbe bene a farci l’abitudine, perché i trader che hanno saputo far da soli sono oggi una realtà, e lo saranno ancora per lungo tempo.

Quali sono le motivazioni dell’evoluzione del mercato azionario?

I diversi e significativi sviluppi occorsi in questi ultimi dieci anni hanno, a parer dello staff di corsotrading.eu, consentito una rivoluzione fenomenale, per la gran parte ancora da venire e cosiffatta:

  1. La drastica diminuzione delle commissioni di negoziazione cui si è assistito nell’ultimo decennio ha permesso un significativo miglioramento della potenziale redditività del trading di breve termine. Prima di tale riduzione soltanto le istituzioni e coloro che disponevano di un capitale molto elevato potevano affrontare i costi legati all’operatività sui mercati finanziari. Oggi l’accesso ai mercati finanziari è affare di pochi centesimi.
  2. La riduzione dei tassi d’interesse a livello mondiale ha reso di fatto necessaria l’esposizione sui mercati azionari. Tale profondo cambiamento, unito alla tendenza dei mercati ad accelerare la propria crescita, ha condotto ad un più elevato livello di sofisticazione e ad una crescente esigenza di formazione personale.
  3. Le sorprendenti innovazioni tecnologiche hanno contribuito a condurre Wall Street sulla retta via. Il risultato è che sia gli investitori privati che i grossi investitori, i ricchi e i poveri, i trader alle prime armi e i professionisti possono avere accesso diretto ai mercati finanziari più liquidi del mondo con pochi click del mouse, rimanendo comodamente seduti sulla poltrona di casa.
    Queste meraviglie tecnologiche hanno consentito agli investitori privati di giocare ad armi pari. Le principali barriere che impedivano l’accesso ai mercati finanziari sono state rimosse, e con esse molti degli ingiustificati vantaggi di cui godevano i pochi eletti del “club di Wall Street”.
  4. Le nuove regole di gestione degli ordini hanno cambiato per sempre le modalità di funzionamento di Wall Street. Non soltanto hanno fatto sì che le case di brokeraggio si comportassero con sempre maggiore correttezza e trasparenza, ma hanno anche aiutato l’investitore privato ad utilizzare al meglio gli strumenti destinati a mutare definitivamente il modo di fare business sui mercati finanziari: gli ECN, ovvero gli Elettronic Communication Network.
  5. Ultimo, non certo per importanza, l’avvento di Internet. Un cambiamento tanto radicale nel modo di pensare e vivere la nostra vita non si verificava dai tempi in cui Alexander Graham Beli inventò il telefono. Oggi praticamente non esiste più nessun ritardo nella trasmissione delle informazioni tra le sorgenti e i destinatari. Grazie a Internet siamo diventati realmente una società globale. Un consumatore locale può essere considerato oggi un consumatore globale. Uno studente delle elementari della Sycamore Drive in Nord Carolina può essere considerato oggi uno studente globale, così come un business di nicchia nel nord est degli Stati Uniti può oggi espandersi nel suo settore a livello mondiale. Internet modificherà il nostro modo di pensare, di camminare, di parlare, di vivere e perfino di amare nel prossimo millennio e coloro i quali non saranno in grado di cogliere le trasformazioni che ci aspettano, diventeranno parte della preistoria.

Dunque, per investire nel trading online bisogna prendere in considerazione tutte queste teorie e comprendere se saremo in grado a fare fronte ai cambiamenti dei prossimi anni.