Pubblicato il

Come fare trading sui bond

I bond, nel nostro paese anche conosciuti come obbligazioni, sono dei titoli di credito che raffigurano una porzione di debito creato da un gruppo o da un qualsiasi tipo di ente per poter finanziare delle determinate spese. I bond vengono concessi con l’obiettivo di ricevere, in modo diretto il capitale con delle condizioni più convenienti rispetto a quelle che vengono applicate dei classici prestiti degli istituti bancari. Il privilegio principale per la società che emette la somma viene dai tassi di interesse che di solito sono minori in confronto ai tassi emessi dalle banche.

Come funzionano i bond e perché hanno successo

Visti i lori guadagni, riconosciuti come il solo elemento invariabile del mercato, ultimamente i bond sono visti come degli investimenti molto sicuri. Differentemente di quello che può accadere con l’utilizzo delle azioni, fare i propri investimenti con le obbligazioni non contempla lo stop loss (si tratta di una strategia che serve a tutelare il denaro che si investe in un’attività qualsiasi finanziaria, se il trand dei mercati dovesse andare in direzione opposta alle previsioni preventive. L’obiettivo di questa operazione, dunque, è quello di chiudere una posizione che prevede delle perdite. Lo stop loss è per questo motivo uno strumento molto utile facente parte del money management in quanto ridurre le perdite in maniera significativa).

Il successo dei bond è abbastanza facile da comprendere, dal momento che le azioni sono semplicemente dei tipi di titoli che hanno una data di scadenza, anche i bond ne hanno una in modo da restituire il capitale investito entro tale data. Un’ obbligazione inizia a perdere il suo valore quando il guadagno domandato è cresciuto di valore al momento della data di scadenza, in confronto al valore che era stato richiesto quando il bond era stato acquistato. Ovviamente questo fenomeno prevede un cambio del premio nel mercato dei titoli azionari, ma se si conserva l’obbligazione fino alla data della sua scadenza, si può recuperare il denaro investito in maniera molto facile e sicura.

Come fare trading sui bond

Fare delle operazioni su di un bond è il risultato dell’unione di due parti, ovvero il guadagno a con un rischio molto basso ed il premio conseguente al rischio. Con il guadagno dei titoli azionari a basso rischio parliamo di un’operazione proveniente dall’emissione di titoli sicuri, dall’altra parte il così detto premio per il rischio è in relazione alla più grande operazione domandata per prendere a carico il pericolo di insolvibilità legato ad un emittente in particolare. I bond sono quindi degli strumenti pensati per tutti coloro che desiderano fare i propri investimenti nel lungo periodo, conservando un limite di rischio non troppo alto e prendendo in considerazione di ottenere un guadagno economico non alto ma in grado di coprire il prezzo dell’inflazione.

I componenti da dover tenere in considerazione se si vuole fare del trading utilizzando i bond sono molti, soprattutto se ci si vuole occupare dell’avviamento e della successiva gestione di determinate posizioni. Come abbiamo già detto gli elementi da prendere in considerazione sono molteplici, di seguito daremo alcuni esempi: il valore del tasso di interesse in quanto determina il rendimento futuro, la durata e la data di scadenza dei bond in quanto se la data di investimento è maggiore il tasso di interesse ad essa legato cresce, il tipo di emittente del denaro, meglio affidarsi a delle agenzie di rating fidate, i dati generali sul trand del mercato economico, sia la domanda che la concorrenza di un bond sul quale si vuole fare del trading. Se si parte prendendo in considerazione i dati appena citati si può iniziare a fare del trading sui vari tipi di bond che ci sono sul mercato delle azioni. Ricordiamo infine che, in Italia, un broker online che permette di fare queste operazioni è 24Option.