Come aprire e gestire un conto corrente online con zero spese

Come aprire e gestire un conto corrente online con zero spese

Al giorno d’oggi può essere importante sapere come aprire e gestire un conto corrente online con zero spese. Sono molti i motivi che possono spingere una persona a d aprire un nuovo conto corrente: oltre a chi lo fa per la prima volta (ormai è praticamente necessario avere un conto) ci sono anche quelli che vogliono abbandonare il loro vecchio conto perché lo ritengono troppo costoso e vogliono passare ad una soluzione più conveniente oppure più completa. Molti optano per i conti online: facili da aprire, comodi da gestire e soprattutto molto economici: alcuni vengono addirittura proposti come conti a zero spese. Ma è davvero così? Approfondiamo un po’ il discorso.

Perché scegliere un conto corrente online con zero spese?

Nel corso degli ultimi anni molte banche hanno messo a disposizione dei loro clienti un’ampia gamma di servizi online; inoltre abbiamo assistito alla nascita di istituti che operano esclusivamente sul web (anche se nella maggior parte dei casi si tratta di società specializzate nel settore che fanno parte di importanti gruppi bancari). Con i conti correnti online è possibile fare praticamente tutte le operazioni tipiche dei conti tradizionali: ad esempio è possibile accreditarci lo stipendio o la pensione, ricevere ed ordinare bonifici, domiciliarvi le utenze, fare prelievi e versamenti al bancomat, richiedere l’estratto conto e così via. Rispetto ai conti tradizionali, però, i conti online sono più comodi (non è necessario recarsi ogni volta in filiale per eseguire le varie operazioni) e soprattutto più economici. Esistono anche i conti correnti online con zero spese e non è un caso che molte persone stiano optando proprio per soluzioni di questo tipo.

Bisogna fare attenzione: “zero spese” non significa per forza “gratis”. Con il termine conto corrente con zero spese di solito si indicano quei conti online che consentono di eseguire un serie di operazioni (le più comuni) in modo del tutto gratuito, ma che presentano comunque dei costi. Ci sono ad esempio i conti con zero spese che permettono di fare operazioni gratuite ma prevedono il pagamento di un canone mensile o annuo, altri che con cui è possibile eseguire determinate operazioni a costo zero ed altre a pagamento ed altri ancora che permettono di eseguire alcune operazioni in modo del tutto gratuito ma solo fino ad una certa soglia, oltre l quale diventano a pagamento. Le formule possono essere diverse, quindi prima il aprire il conto corrente online con zero spese bisogna leggere con estrema attenzione il documento illustrativo del prodotto, magari facendo un confronto tra le varie soluzioni disponibili sul merce.

È sufficiente andare sui siti delle varie banche online per trovare tutto il materiale informativo necessario, mentre per fare un confronto immediato si possono utilizzare anche i cosiddetti siti comparatori. In linea generale si può dire che i conti online a zero spese possono risultare particolarmente convenienti per quelle persone che non hanno particolare esigenze bancarie e per quelli che non fanno moltissime operazioni; chi invece ha esigenze particolari e quindi ha bisogno di determinati servizi oppure fa molti movimenti dovrebbe guardare altrove, ricordando comunque che esistono conti online di ogni tipo che, pur non essendo a costo zero, possono risultare più convenienti (e sicuramente pi comodi) rispetto ai conti tradizionali. Ad ogni modo per trovare la soluzione ideale è sempre cosa buona e giusta fare una bella ricerca e un confronto tra le diverse proposte delle varie banche.

Come aprire e come gestire un conto corrente online

La procedura da seguire per aprire un conto corrente online con zero spese può differire leggermente da istituto ad istituto, ma in linea generale i passaggi da compiere sono sempre gli stessi. Si tratta di un’operazione davvero molto semplice che si conclude nel giro di pochi minuti: basta un dispositivo connesso ad internet ed avere a portata di mano i documenti richiesti. La prima cosa da fare è quindi avviare lo scanner e fare una copia digitalizzata del proprio documento di identità e del proprio codice fiscale. A questo punto bisogna collegarsi al sito dell’istituto prescelto e cliccare sul bottone Apri il conto online o simili (per gli istituti che offorno altri servizi sarà prima necessario raggiungere la pagina relativa al conto che si intende aprire) per iniziare la procedura vera e propria.

Nelle prime schermate sarà necessario riempire dei moduli inserendo alcuni informazioni personali come i dati anagrafici, il codice fiscale, il numero di telefono (cellulare) e un indirizzo email. Dopo questa fase è necessario inviare alla banca la copia del documento di identità: a seconda dell’istituto e del dispositivo da cui ci si connette sarà possibile farlo caricando direttamente il file oppure utilizzando la fotocamera o la webcam. Dopo aver caricato il documento arriva il momento di leggere il contratto: questa operazione, oltre che utile (per non incappare in spiacevoli sorprese dopo è sempre meglio conoscere le condizioni contrattuali), è necessaria, perché senza aver scaricato il contratto e senza aver dichiarato di averne preso visione è impossibile proseguire con il passaggio successivo.

Dopo la firma (digitale) del contratto l’ultimo step è rappresentato dalla verifica dell’identità, che anche in questo caso può avvenire in modo diverso in base alla banca scelta e al tipo di dispositivo con cui si sta eseguendo l’operazione: tra le varie modalità di identificazione ci sono infatti:

  • bonifico bancario (in pratica si deve fare un piccolo bonifico da un conto già esistente);
  • selfie (molto usata da chi apre il conto online tramite smartphoone: deve farsi un autoscatto in cui siano ben visibili il volto e il documento di identità);
  • videochiamata (una breve videochiamata con un operatore della banca che chide la conferma dei dati inseriti nei moduli).

Ci sono anche istituti che per confermare la procedura eseguita online richiedono il riconoscimento in filiale, ma si tratta di casi sempre più isolati.

Al termine dell’apertura si riceveranno le credenziali per accedere al servizio di internet banking. Per iniziare ad utilizzare e a gestire il proprio conto è sufficiente andare sul sito della banca ed entrare con quelle credenziali nella propria area riservata. Una volta fatto l’accesso si arriva in una schermata dalla quale è possibile vedere la situazione del conto ed utilizzare tutti i servizi disponibili; l’interfaccia può cambiare (anche molto) da istituto ad istituto, per in linea di massima sono sempre visibili il saldo, le ultime operazioni effettuate, il menù per utilizzare i vari servizi divisi per categoria ed una serie di pulsanti per accedere alle operazioni più comuni (bonifici, pagamento bollettini, estratto conto e così via).

Ormai praticamente tutte le banche hanno predisposto anche un’applicazione ufficiale che consente ai loro clienti di gestire il proprio conto con zero spese direttamente tramite smartphone o tablet: in questo modo sarà possibile sfruttare appieno la comodità dei conti correnti online, che possono essere utilizzati sia a casa direttamente da un computer che quando si è fuori tramite un dispositivo mobile, sempre senza doversi recare in filiale.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close