Moduli esenzione canone Rai: cosa sono, quando utilizzarli

moduli esenzione canone rai

Chiunque possieda un apparecchio televisivo è tenuto al pagamento del canone di abbonamento alla televisione: è una spesa da affrontare una sola volta a famiglia (a condizione che i familiari abbiano la residenza nella stessa abitazione); ci sono persone che hanno il diritto a non pagare il canone, ma visto che dal 2016 c’è la presunzione di detenzione di un apparecchio televisivo, per evitare il pagamento bisogna inviare i moduli esenzione canone Rai. Vediamo cosa sono quando bisogna utilizzarli.

Chi non deve pagare il canone Rai

Come detto in apertura, dal 2016 è stata introdotta la presunzione di detenzione di un apparecchio televisivo: questo significa che in ogni residenza in cui esiste un’utenza per l’energia elettrica si presume che si sia una televisione. Il canone viene quindi automaticamente addebitato sulla bolletta della luce e chi non è tenuto al suo pagamento deve inviare i moduli di esenzione dal canone Rai. Ma chi sono i soggetti che non devono pagare il canone? Ecco l’elenco:

  • i contribuenti che sono titolari di un’utenza elettrica per uso domestico residenziale ma non possiedono alcun apparecchio televisivo;
  • i cittadini che hanno già compiuto 75 anni e che hanno un reddito (sommato a quella del coniuge) che non supera gli 8.000 euro e non convivono con altre persone che hanno un reddito proprio;
  • i soggetti esenti per effetto di convenzioni internazionali, ovvero agenti diplomatici, funzionar ed impiegati consolari, funzionari di organizzazioni internazionali, militari non italiani e personale civile non italiano che risiedono in Italia ed appartengono alle forze NATO.

Moduli esenzione canone Rai per chi non ha una TV in casa

Le persone che rientrano nella prima categoria di soggetti esenti (ovvero quelli che non hanno una televisione) possono evitare l’addebito in bolletta del canone presentando una dichiarazione sostitutiva; il Quadro A di questo modulo di esenzione dal canone Rai può essere compilato per certificare la non detenzione di un apparecchio televisivo; il Quadro B può essere utilizzato per segnalare che il canone è dovuto per un’utenza elettrica che è intestata ad un altro componente della stessa famiglia (del quale si deve indicare il codice fiscale); il Quadro C può essere utilizzato per comunicare le variazioni, come l’acquisto di un televisore oppure l’uscita dalla famiglia anagrafica indicata nelle precedenti dichiarazioni.

Il modello di dichiarazione sostituiva può essere inviato tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate oppure con raccomandata all’Agenzia delle Entrate, Direzione Provinciale I di Torino, Ufficio Canone TV, Casella Postale 22, 10121 Torino (allegando una copia del documento di identità). Le dichiarazioni hanno una validità annuale; la dichiarazione di non detenzione deve essere presentata tra il primo luglio e il 31 gennaio per essere esonerati dal pagamento del canone dell’anno successivo oppure tra il primo febbraio e il 30 giugno per essere esonerati dal pagamento del secondo semestre dell’anno in corso.

Moduli di esenzione del canone di abbonamento TV per gli over 75

Devono invece compilare la sezione I del modulo di esenzione dal canone Rai gli ultrasettantacinquenni che hanno tutti i requisiti per non pagare l’abbonamento tivù; in questo caso la dichiarazione va inviata una sola volta (non ha quindi una durata annuale), ma se si perdono i requisiti (ad esempio perché si supera la soglia di reddito massimo per beneficiare dell’agevolazione) sarà necessario inviare un’ulteriore dichiarazione della variazione dei presupposti, utilizzando in questo caso la sezione II del modello.

I cittadini che hanno pagato il canone pur avendo tutti i requisiti per l’esonero possono richiedere il rimborso utilizzando l’apposito modello (scaricabile dal sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate) selezionando la causale 1; il modulo può essere inviato tramite raccomandata all’indirizzo visto nel paragrafo precedente, oppure tramite posta elettronica certificata all’indirizzo cp22.canonetv@postacertificata.rai.it; in alternativa il modulo può essere consegnato di persona presso un ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate.

Modulo di esenzione per diplomatici e militari stranieri

Anche gli appartenenti alla terza categoria di soggetti esenti (ovvero diplomatici e militari stranieri) devono presentare la dichiarazione sostitutiva: il modello di esenzione dal canone Rai per effetto di convenzioni internazionali può essere scaricato dal sito dell’Agenzia delle Entrate e può essere presentato inviandolo tramite plico raccomandato al solito indirizzo, allegando la copia di un documento di riconoscimento. In caso di variazioni (aggiornamento dei nomi dei familiari intestatari dell’utenza, scadenza del documento, cambiamenti dell’incarico) è necessario inviare una nuova dichiarazione.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close