S.r.l semplificata: di che cosa si tratta e quali requisiti sono richiesti?

srl semplificata

Quando si decide di avviare una nuova attività una delle prime cose da fare è scegliere che tipo di società costituire: una delle prime opzioni che vengono prese in considerazione è quella della S.r.l semplificata. Ma di cosa si tatta e quali sono le differenze rispetto ad una “normale” società a responsabilità limitata? E quali sono i vantaggi, gli svantaggi di questa forma societaria e i requisiti richiesti per costituirla? Cerchiamo di dare un po’ di risposte a queste domande.

Cos’è una S.r.l semplificata: requisiti e costituzione

Stando alla definizione data dal codice civile, la S.r.l semplificata è una forma di società a responsabilità limitata per la cui costituzione sono previste delle agevolazioni sia sul piano dei costi da sostenere che su quello del capitale sociale (che è inferiore ai 10.000 euro previsto per le normali srl); inoltre può essere costituita con un contratto o un atto unilaterale da qualsiasi persona fisica, indipendentemente dalla sua età anagrafica. L’obiettivo dell’introduzione di questa forma societaria era quello di favorire l’accesso dei giovani all’esercizio dell’attività di impresa. Inizialmente era stato fissato un’età massima di 35 anni per poter costituire una società di questo tipo, ma questo requisito è stato eliminato.

L’atto costitutivo deve essere comunque redatto per atto pubblico con clausole stilate in conformità a quanto previsto dal modello standard. L’atto costitutivo deve contenere i dati di ciascun socio (nome e cognome, data e luogo di nascita, cittadinanza e domicilio), la denominazione sociale, l’indicazione del comune dove si trova la sede sociale e le eventuali sedi secondarie, l’ammontare del capitale sociale (che deve esser di almeno un euro ed inferiore ai 10.000 euro ed interamente sottoscritto al momento della costituzione), l’indicazione dell’attività che costituisce l’oggetto sociale, le quote di partecipazione dei vari soci, le norme riguardanti il funzionamento della società, la nomina delle persone che si occupano delle amministrazioni ed eventualmente della revisione legale dei conti, l’indicazione del luogo e della data in cui viene sottoscritto l’atto.

Capitale sociale, costi, adempimenti e tasse

Il capitale sociale deve essere versato in denaro all’organo amministrativo (quindi niente conferimenti in natura e niente versamenti in banca). Tra le agevolazioni relative alla costituzione di una S.r.l semplificata ci sono anche quelle che riguardano i costi: non si devono pagare gli onorari al notaio e non si devono pagare i diritti di bollo e di segreteria. Al momento della costituzione quindi i costi da sostenere sono quelli rappresentati dal diritto annuale fisso di iscrizione al Registro delle Imprese, dall’imposta di registro, dalla tassa di concessione governativa annuale e dal compenso per il notaio e il commercialista.

Le S.r.l.s possono avvalersi di un amministratore unico oppure di un consiglio di amministrazione eletto dai soci. Dal punto di vista contabile gli obblighi sono gli stessi previsti per le normali società a responsabilità limitata: i libri sociali si possono tenere con modalità tradizionali (supporto cartaceo) oppure con modalità informatiche. Anche dal punto di vista della tassazione non ci sono differenze: bisogna pagare imposte dirette (come IRES e IRAP) e imposte indirette.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close