Pagamenti digitali: Apple pronta a far concorrenza a PayPal

Non c’è dubbio che nel corso degli ultimi anni, ed in particolare nell’ultimo decennio, gli smartphones abbiano apportato grandi modifiche negli usi e nei costumi degli utenti. Come tutti sanno, i cellulari hanno amplificato ed allo stesso tempo semplificato la vita di tutti noi, consentendoci azioni per le quali, in altri momenti storici, avremmo impiegato ore, se non interi giorni. Tra queste, i pagamenti online sembrano oggi vivere un nuovo sviluppo, grazie a Google, ma anche ad Apple, la quale sembra stia impiegando preziose risorse nella creazione di un’app, che permetta di trasferire denaro da una persona all’altra in maniera semplice e gratuita.

Ad annunciare lo sviluppo di Apple-Pay, questo il suo nome, ci ha pensato il Wall Street Journal, importante quotidiano internazionale pubblicato negli Stati Uniti. Lo stesso fa sapere che, con molta probabilità, i versamenti su conto bancario rimarranno gratuiti (così come già avviene su Venmo, portafoglio digitale di PayPal), mentre subiranno una tassazione del 3% nel caso in cui siano destinati ad una carta di credito.

L’azienda di Cupertino, è bene precisare, arriva piuttosto in ritardo nel campo delle transazioni on-line, già controllate dalla storica rivale Google, attraverso Square, e dal social-network Facebook, attraverso Messenger. Il già citato Venmo sembra però essere il servizio più redditizio con ben 2,1 miliardi di dollari gestiti nell’ultimo anno (circa il 19% degli spostamenti di denaro avvenuti da persona a persona negli USA).

Lo scopo, è evidente, è quello di utilizzare unicamente l’i-phone anche per i pagamenti; per far ciò la ‘casa delle idee’ stipulerà, a breve, importanti accordi con le banche J.P. Morgan ChaseCapital One e Wells Fargo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close